mercoledì 22 novembre 2017

COVER REVEAL: "Tre Piccoli fiori di velluto viola" di Emiliano di Meo





Buongiorno lettori! Oggi noi dello Scrigno partecipiamo al Cover Reveal del romanzo di Emiliano di Meo. Scopriamo insieme la cover e la sinossi.



Ci sono storie che alcuni vorrebbero impedirti di raccontare. Ti fissano portandosi l'indice davanti al naso per suggerirti di tacere.
Tacere ti permette di illuderti che alcune cose non siano successe.
Ci sono storie che alcuni non vogliono sentirsi raccontare, preferirebbero chiuderle in un cassetto e dimenticare.
Io quel cassetto ho scelto di aprirlo.




Emiliano Di Meo vive a Roma ed esordisce nel 2013 come autore autoprodotto con “Il Chiaroscuro delle cose”.

A partire dalla sua prima opera sono subito evidenti i temi che gli sono più cari: l’introspezione dell’animo umano e il riconoscimento dell’amore come sentimento universale che non è più possibile imbrigliare nella distinzione tra i generi.
Emiliano Di Meo contribuisce a dar voce a una comunità come quella LGBT che ancora oggi si trova costretta a combattere per il pieno riconoscimento dei propri diritti.

martedì 21 novembre 2017

Nuove uscite Les Flaneurs Edizioni.

Buon Martedì lettori, oggi vi presentiamo due nuovi romanzi che usciranno per la Casa Editrice Les Flaneurs. Continuate a leggere per saperne di più!



Autore: Valentina Barile

Titolo: #mineviandanti sulla via Popilia

Prezzo: € 10
















Dopo aver attraversato la regina viarum, l’Appia Antica, Valentina e Federica sono di nuovo in viaggio. Questa volta percorrono la via Popilia-Annia, una strada minore che da Capua porta giù in Calabria, nel profondo Sud. Un viaggio più consapevole del precedente, ma che ben presto si rivela un “boccone indigesto” per le emozioni che trasmette. Che cosa cercano le due mineviandanti sulla via Popilia? I resti della storia, quello che siamo stati e che ora non siamo più, ma anche tutto ciò che a quel passato ci unisce, inesorabilmente. Questo libro di Valentina Barile è un diario di viaggio intenso, capace di portare il lettore nell’anima dei luoghi attraversati e descritti con sensibilità. Un invito a riflettere sull’esperienza del viaggio, sulla dimensione dell’homo viator, e non ultimo, sulla condizione dolceamara del nostro Sud.

Valentina Barile è narratrice di viaggio, tra gli scrittori emergenti de “Il libro che non c’è 2016” di Rai Eri. È organizzatore della Fiera del Libro di Napoli, Ricomincio dai libri, insegnante di scrittura creativa, ufficio stampa, editor, ghostwriter. Finalista al Premio Passaggi 2015, Festival della Letteratura di Viaggio. Il suo primo diario di viaggio, #mineviandanti sull’Appia antica (2016), ottiene due riconoscimenti: il Premio “Peppino Orlando” di Borgo d’Autore, il Festival del libro di Venosa, e il Premio “Enea – Buone pratiche per l’Italia” di Come il vento nel mare, il Festival delle narrazioni e di cultura politica, di Latina.



«Ognuno di noi quando si mette in viaggio ha qualcosa da cui allontanarsi e qualcosa da cui ritornare, o non ritornare. Ognuno di noi quando si mette in viaggio è carico di macigni che deve sgretolare lungo il cammino».




Autore: Viviana Martiradonna

Titolo: Tutto il buono che c’è

Prezzo: € 15

















Tutto il buono che c’è. Tra sapore e benessere ha come obiettivo quello di raccogliere ricette facili da preparare, ma al tempo stesso capaci di coniugare in maniera sapiente il gusto e la qualità dei cibi. Il libro nasce dall’idea di voler mettere in tavola piatti caratterizzati da una bassa presenza di proteine animali e da un elevato utilizzo di spezie e di altri ingredienti come alghe, semi, frutta secca e germogli, la cui azione benefica sulla salute è stata ormai dimostrata. Il risultato è un mix interessante tra sapori tipici della dieta mediterranea e quelli di altre culture culinarie, che ci apre a nuove frontiere del gusto e dell’alimentazione. Un modo sano di mangiare che non compromette la salubrità mentale e non scade nell’ortoressia.



Gemma Viviana Martiradonna, barese, classe 1984. Laureata in Biologia all'Università degli Studi di Bari e in Scienze dell'Alimentazione e Nutrizione Umana all'Università degli Studi di Foggia. Lavora come biologa nutrizionista a Bari e Molfetta e collabora con vari studi medici della provincia. Esperta in progetti e laboratori di educazione alimentare presso i comuni di Giovinazzo, Molfetta e Trani. Tc Expert in medicina biointegrata, coach terapeuta in wellness energizing, esperta in alimentazione e cucina naturale.

Presentazione: Sei la mia bugia più bella di Marta Lorenzon

Buongiorno Scrigno! È uscito pochi giorni fa un nuovo romanzo dal titolo Sei la mia bugia più bella, di Marta Lorenzon.
Continuate a leggere per saperne di pù!




“Sei la mia bugia più bella” è il primo libro di una trilogia che racconta gli ultimi tre anni trascorsi di alcuni ragazzi, nei loro problemi di cuore e nella loro crescita personale. Jodie è una ragazza di 18 anni, innamorata da quando ha memoria di Aaron, il fratello maggiore della sua migliore amica. Quando la ragazza troverà finalmente il coraggio di rivelargli i suoi sentimenti, si troverà obbligata a dire una terribile bugia, e a fingere di dichiararsi al migliore amico di Aaron. Drake è un ragazzo che non ha mai provato l'amore, all'apparenza insopportabile ed insensibile, ma decide di spalleggiare Jodie e la sua bugia.
Può un amore nascere per gioco e tramutarsi nel sentimento più sincero mai provato?
Una storia piena di colpi di scena, di incomprensioni, tradimenti ed intrecci sentimentali tra i protagonisti. Come troveremo i nostri amati ragazzi dopo tre anni dall'inizio di tutto? Ecco il primo anno, il primo libro, e i primi amori.




"La busta tra le mie mani sembrava quasi surriscaldarsi, come se ora non vedesse l'ora di sfuggire da me, insieme a tutti quei sentimenti che non riuscivo più a nascondere. Allungai il passo pregando che tutta quell'ansia cessasse il più in fretta possibile, tanto che mi ritrovai subito di fronte alla porta di casa di Aaron, con il dito già premuto sul campanello. Alcuni passi dall'altra parte della porta non tardarono ad avvicinarsi, tanto da sentire il mio cuore palpitare rumorosamente nel mio petto come se volesse uscire e scappare lontano per evitare la sofferenza a cui ero sicuramente andata in contro. Non appena la porta si aprì, abbassai lo sguardo e porsi la lettera di fronte a me.
Ora oppure mai.
« Scusami se ti disturbo, volevo solo consegnarti questa.. » Non terminai neanche la frase poichè la risatina che sentii di sottofondo mi fece alzare di colpo lo sguardo.
« Oh, grazie! » Inaspettatamente Drake prese la busta facendomi rimanere di sasso. Drake? Che cosa ci faceva lì? Non erano questi i piani! Non appena lo vidi con la lettera tra le mani, mi svegliai dallo stato di trance che lo stupore di trovarlo in quella casa mi aveva portato, e provai a togliergli la busta dalle mani in ogni modo, anche saltandogli addosso, ma la sua risata nell'iniziare a leggere le prime parole d'amore, mi fece rimanere tanto in imbarazzo da non riuscire più a capire nulla.
« Dicono esiste solo un vero amore nella propria vita.. »
« Smettila! Dammela! » Urlai cercando di nascondere con la mia voce ogni parola che usciva dalla sua bocca.
« Non ho mai avuto il coraggio di dirti che.. »
« Ma che succede qui? » La voce di Aaron arrivò in entrata poco prima che ci raggiungesse anche lui, preoccupato dalle mie urla che probabilmente avevano riempito l'intera casa. « Ehi Jodie! Che ci fai qui? E' tutto okay? »
Chiese sorridendo e mandandomi ancora più nel pallone. Il mio sguardo si posò sulle mani di Drake che tenevano ancora strette la lettera indirizzata ad Aaron, ed improvvisamente mi resi conto dell'idea davvero stupida che io e Gwen avevamo avuto. Una lettera dove sarebbero rimasti impressi per sempre i miei sentimenti? Geniale.
« Oh, sta benissimo Aaron, puoi crederci! » Scherzò Drake sventolando la lettera sotto al mio naso.
« E quella cos'è? » Chiese l'amico indicando il pezzo di carta rosso che aveva visto attirare le attenzioni di entrambi.
« Una dichiarazione d'amore, amico mio. La piccola Jodie è venuta a dichiararsi.. » concluse Drake continuando a sorridermi soddisfatto per aver raggiunto ancora una volta il suo intento: innervosirmi.
« Non è come sembra, Aaron.. » Non sapevo neanche io che cosa dire. Era davvero come sembrava, ed ero anche obbligata a rivelare i miei sentimenti davanti a Drake che avrebbe potuto gioire così del mio rifiuto in diretta.
« Aspettate un attimo, fatemi capire la situazione.. » continuò Aaron, « Jodie, sei qui per me o per Drake? »
Drake improvvisamente cancellò il suo sorriso dal viso guardando incredulo l'amico, probabilmente tanto spiazzato quanto lo potessi essere io nel rendermi conto che Aaron non avesse capito assolutamente nulla della situazione, ma prima ancora che l'amico potesse riprendere parola per rimettermi di nuovo a disagio, iniziai a parlare io, dando vita alla bugia più brutta che avessi mai potuto dire.
« Per Drake, ovviamente. »
« Drake? » Chiese Aaron con un sorriso incuriosito.
« Cosa? » Ribatté l'amico ancora più sconvolto di quanto già non fosse.
« Si, io.. sono qui per dirti quanto mi sia innamorata di te.. insomma.. dalla prima volta che ci siamo visti.. » dissi balbettando e sperando che Drake mi reggesse il gioco.
« Dalla prima volta che ci siamo visti? » Chiese divertito riportandomi alla memoria il nostro battibecco all'interno del bagno di un bar, mentre lui si sistemava i capelli pur di non farmi passare.
« Sì.. prima.. o seconda volta insomma.. » aggiunsi alzando un sopracciglio e trattenendo un sorriso divertito ricordandomi anche il secondo momento in cui ci eravamo incontrati, o per meglio dire scontrati, all'interno dello stesso bar mentre gli davo dell'irritante davanti a tutti.
« Non lo avrei mai detto Jodie! » Esordì Aaron continuando a guardare entrambi, come se non riuscisse a spiegarsi come due come noi potessero stare insieme o anche solo piacersi.
« No, neanche io.. » rispose divertito Drake.
« Figurati io.. » sussurrai a mia volta.
« Hai detto qualcosa? » Stuzzicò quel ragazzo irritante ed insopportabile a cui ora avrei dovuto rivolgere le mie parole più dolci, pur di reggere il gioco.
« Chi? Io? No! Assolutamente! Com'è strana la vita, vero? Innamorarsi proprio del migliore amico del mio vicino di casa.. che destino! » Continuai a mentire imbarazzata e abbastanza goffamente.
« Mai strana quanto se ti fossi innamorata proprio del vicino di casa! » Rispose ironicamente Drake, facendomi capire che non avrebbe mollato la presa molto presto. La verità è che avrei preferito essere rifiutata davanti ad Aaron e mettere fine fin da subito a quella messa in scena che sapevo già mi avrebbe procurato solo danni.
« Ma allora è perfetto! Questo fine settimana usciremo tutti insieme! » Disse entusiasta Aaron, facendo nascere un sorriso ancora più grande sul volto di Drake.
« Tutti insieme? Chi? Fine settimana? » Chiesi ancora scombussolata, non riuscendo più a capire che cosa stesse succedendo. L'attimo prima stavo per dichiarare i miei sentimenti ad Aaron, ed ora ero invitata ad un'uscita con lui ed il suo migliore amico che fingeva di essere il mio ragazzo?
« Tra qualche giorno lo vedrai Jodie. È una sorpresa proprio come questa che mi avete fatto voi.. » mi incalzò Aaron, salutandomi con un bacio sulla guancia. « Sono davvero felice per voi! » Concluse dando un colpo sulla spalla dell'amico e ritornando in camera sua, probabilmente convinto che avessimo voluto rimanere qualche attimo da soli.
«Tutti insieme chi? » Provai a richiedere a Drake.
« Oh, non guardare me! Io non so niente, so solo che sarà il nostro primo appuntamento. Emozionata? » Scherzò facendomi l'occhiolino e sorridendomi, [...]

Marta Lorenzon è una giovane autrice nata nella piattaforma online Wattpad. Nata nel 1994 nella provincia di Venezia, è da sempre appassionata al mondo della scrittura. Il primo libro pubblicato è stato "Lui è il mio migliore amico", dopo aver avuto migliaia di visualizzazioni sul profilo online; ora la ritroviamo con un nuovo romanzo rosa.



lunedì 20 novembre 2017

Presentazione: DEVON DRAKE - CORNERBACK - di J. JOACHIM

Lettori, eccoci qui a presentarvi un nuovo romanzo, uno sport romance pronto per essere letto. Siete pronti a scoprire qualcosa in più?


TITOLO: Devon Drake - Cornerback

TITOLO ORIGINALE: Devon Drake - Cornerback

AUTORE: Jean Joachim

AMBIENTAZIONE: U.S.A.

TRADUZIONE: Elena Turi per Quixote Translations

SERIE: #4 First&Ten

PAGINE: 289

GENERE: Sport Romance

FORMATO: E-book

PREZZO: € 3,49 su Amazon

DATA DI USCITA: 14 Novembre 2017





Devon Drake, conerback famoso, ha tutto. Una super modella per ragazza e una carriera come giocatore professionista, ma quando un’amica d’infanzia torna nella sua vita, la sua esistenza viene messa sotto sopra. È davvero arrivato il momento di spiegare alla sua amica quello che è successo quindici anni prima?

Stormy Gregory sta fuggendo da un uomo violento. La sua migliore amica le offre un posto sicuro al rifugio per donne che hanno subito violenza. Felice di essere sfuggita a quella vita di violenza, Stormy dà una mano a organizzare un evento di beneficienza e l’ultima cosa che si aspetta è di imbattersi in Devon Drake, l’amico di suo fratello. Scapperà di nuovo piuttosto che dover sopportare un rifiuto?

Le crepe alla sua vita perfetta minacciano la sua carriera appena decollata di cornerback, mentre una sorpresa inaspettata interrompe il cammino di Stormy di crearsi una nuova vita. Riusciranno a stare insieme o il segreto che ha tenuto separati gli ex amici li trascinerà in una spirale in discesa?



Recensione: Quante volte ti ho odiato di Kelly Siskind

Scrigno,
Giulia ha letto per voi Quante volte ti ho odiato, primo volume della serie Over the top di Kelly Siskind.

Un viaggio con le amiche nel paradiso sciistico di Aspen: è proprio quello di cui Shay ha bisogno per dimenticare la rottura con il suo ex. E il fatto che, oltre alle piste da sci meravigliose e all’affetto delle amiche, ci siano bei ragazzi praticamente ovunque, di sicuro non guasta. Ma il sogno viene interrotto quando uno spericolato sciatore la mette al tappeto, travolgendola. La guerra è iniziata. 
Kolton non ha esattamente idea di cosa in Shay lo faccia infuriare. Non solo fa fatica a rimanere lucido in sua presenza, ma la ragazza sembra avere la particolare capacità di fargli perdere la calma. Quando la rabbia si trasforma in una chimica esplosiva, i due verranno travolti dall’intensità di un’avventura che lascia a entrambi dubbi e insicurezze. Ma c’è qualcosa che va oltre l’odio e la passione, e Kolton e Shay, tra le scaramucce e i litigi, potrebbero scoprire di provare qualcosa di importante… Se solo riuscissero a smettere di detestarsi.



La cosa migliore che si possa fare dopo la rottura con il fidanzato storico è non lasciarsi vincere dalla tristezza e dai sensi di colpa, ma soprattutto farsi una rilassante vacanza in una località amata con le proprie migliori amiche e lasciare che ogni brutto pensiero evapori dalla mente e, perché no?, divertirsi con un bell’esemplare di sesso maschile. 

Ed è proprio ciò che la nostra carissima e testarda protagonista Shay si costringe a fare, di certo una settimana ad Aspen con Raven e Lily, le sue due migliori amiche, non può che giovarle dopo essersi lasciata con Richard, una relazione durata ben cinque anni e culminata in una cena disastrosa, in cui tutte le aspettative sono crollate irrimediabilmente. Per fortuna. 

Infatti, con quel rapporto, Shay aveva perso la sua vera e spumeggiante identità, oltre a due taglie. 

La vacanza è l’occasione perfetta per rinascere dalle proprie ceneri, il paesaggio suggestivo, con le sue montagne innevate e le piste da sci, e il divertimento che solo le tue amiche possono offrirti... Anche se una compagnia maschile non guasterebbe affatto. 

La prima cosa che Shay decide di fare è lasciare un’altra parte della sua vita, quella in cui una Shay più posata, all’antica, per benino e chic, eseguiva ogni ordine che il suo ragazzo palloso le impartiva, come un cagnolino con il suo padrone. 

Chi avrebbe mai detto che un innocuo reggiseno lanciato su di un albero, potesse farti sentire così libera, sia fisicamente che spiritualmente? 
“Si capisce molto di una donna dal reggiseno che indossa” 
Sensazioni che anche una sciata può offrirti, ovviamente se uno sciatore non ti mette k.o. prima. Beh, a quel punto, non puoi far altro che affibbiare un non tanto gentile nomignolo al ragazzo dai capelli magnifici biondo cenere che arrivano alle spalle larghe e gli occhi magnetici, anche se di magnetico non ha solo quelli... Un culetto sodo palesemente perfetto non si incontra tutti i giorni! 

Ovviamente in queste occasioni ciò che rimane da fare è andare via come una scheggia, non prima di aver “sussurrato” un sobrio “coglione” e avergli fatto il dito medio. 

Passata questa piccola parentesi, le tre migliori amiche decidono che la sera stessa avrebbero fatto una strage di uomini, peccato per la loro carenza totale... Se non fosse che, mentre stanno ritornando nel loro appartamentino, dalla finestra di uno chalet intravedono dei ragazzi solitari. 

Al volo decidono di autoinvitarsi e di vedere cosa accade... 

Di certo Shay non immaginava di ritrovarsi difronte “Il Coglione”, ovvero Kolton, più arrogante e sexy che mai. 

Da quel momento in poi, tutto diventa incontrollabile: l’attrazione fisica, le battutine pungenti e le discussioni saranno all’ordine del giorno e man mano l’odio diventa qualcos’altro, qualcosa di più speciale e profondo, qualcosa di inaspettato per tutti e due. 

“Lo odio, lo voglio, lo riodio” 

Ma la bolla di magia, che sembrava inglobarli, svanisce: ognuno deve tornare alla propria vita, ai propri problemi, ai propri segreti e questo significa lasciarsi alle spalle quella fantastica ed emozionante vacanza. 

Forse, però, non tutto è perduto, magari il fatto che lei sia un architetto e che lui sia il capo di una famosa azienda di abbigliamento in procinto di aprire un nuovo negozio proprio nella sua città, farà incontrare di nuovo i due... A quel punto, tuttavia, i segreti nascosti saranno svelati e tutto diventerà molto più complicato per i due. 

Kolton riuscirà a far battere di nuovo il suo cuore? Riuscirà ad abbattere tutte le difese che Shay si è costruita attorno? 

Non resta che rischiare il tutto per tutto per la persona amata. 

“Tutto quello che facciamo nella vita non è un modo per essere amati un po’ di più?” 

Proprio un bel libro! 

Divertente, ironico, fresco, originale, sensuale, emozionante e vero... Insomma, una storia che ti tiene incollata alle pagine dall’inizio alla fine! 

Ho amato tutto della protagonista, il suo passato, la sua voglia di riscatto, la forza, il carattere, le sue battute pungenti e il non arrendersi mai alle prime difficoltà che la vita brutalmente ti impone. 

Questo libro è incentrato principalmente su due temi: il voler ricominciare daccapo e l’emancipazione da quella figura che io personalmente interpreto come la più brutta delle malattie, ovvero l’abitudine, che ti fa accettare di tutto, anche di non essere felice. 

Molte donne, troppe, spesso si ritrovano in rapporti in cui non hanno la possibilità di scegliere per se stesse, è il loro partner a decidere chi possono vedere, cosa possono fare, come vestirsi, come comportarsi e cosa mangiare, ricorrendo alla violenza psicologica. La cosa più grave è che nella maggior parte dei casi non si accorgono neanche della situazione che si è venuta a creare, della relazione malata che stanno vivendo, restando intrappolate, incapaci di chiedere aiuto. 

Questa piccola parentesi potrebbe farvi capire un po’ di più ciò che la protagonista ha vissuto e delle insicurezze che la possono accompagnare. Un personaggio costruito veramente tanto bene. 

E poi c’è lui, Kolton, un uomo che dalla vita ha ricevuto, ma ha anche perso. La paura di ricominciare per lui è tanta, il rischio di sbagliare è dietro l’angolo, la consapevolezza di poter soffrire di nuovo troppo vivida... In ballo non c’è solo il suo cuore, già lacerato dal dispiacere di una perdita profonda. La forza di ricominciare è debole, quasi inesistente. 

Ho ammirato il suo coraggio, tutto in lui gridava: “Sì, sono qui, posso essere pronto, ma ho paura, ho bisogno della forza di entrambi per costruire questa cosa meravigliosa”. Qui emerge il suo lato fragile, perlopiù incompreso dai suoi cari amici. Anche questo personaggio è stato costruito in modo impeccabile. 

Un libro in cui tutte le debolezze dell’essere umano vengono messe a nudo e in qualche modo l’autrice ha voluto mandare un messaggio importante: non bisogna temere di essere giudicati per ciò che siamo e che vogliamo essere. Le nostre scelte non devono dipendere da quelle degli altri, ogni essere umano è di per sè unico ed inimitabile. Tutto ciò che decideremo di fare lo faremo nel migliore dei modi, il nostro. 

Dal punto di vista descrittivo, niente da dire, anche su questo fronte è stato fatto un lavoro eccellente... La scioltezza con cui passa dal descrivere un paesaggio mozzafiato a dei momenti più piccanti, è ammirevole e non da tutti. 

Come detto prima, tutte le scene sono state perfettamente eseguite nel migliore dei modi a mio parere. 

Lo stile dell’autrice è scorrevole, talmente tanto che ti ritrovi a divorare i capitoli anche alle due di notte. 

In conclusione, personaggi da amare non mancano, scene esilaranti neanche, altrettanto quelle più spinte, emozioni da cardiopalma... Pff, a bizzeffe! 

Se avete bisogno di un buon libro completo, non basta che comprarlo, vi assicuro che non ve ne pentirete! 

4 stelle su 5 

A presto, 
Giulia! 

Recensione: Il piccolo negozio della felicità Hygge di Rosie Blake

Buon Lunedì lettori! Iniziamo la giornata con la recensione di Valentina al romanzo Il piccolo negozio della felicità Hygge, edito Newton Compton.




È autunno nella cittadina di Yulethorpe, e una pioggerella gelata scende da giorni. A rendere ancora più tristi gli animi arriva la notizia che l'ultima bottega del centro, l'adorabile negozietto di giocattoli della signora Louisa, sta per chiudere i battenti. Per Yulethorpe sarà un inverno più gelido del solito, ma la speranza ha il volto di un angelo biondo di nome Clara Kristensen. In paese per una vacanza, la ragazza è il ritratto della salute e della felicità. In lei tutto è hygge, come dicono i danesi: è allegra, solare, con un senso profondo della famiglia, ama le candele profumate, i bambini, i cani e i libri. Clara si rimbocca le maniche e rivoluziona il negozio, trasformandolo in un luogo magico e accogliente. In mezzo all'entusiasmo che ha contagiato grandi e piccini, però, salta fuori Joe. È il figlio della proprietaria, un tipo tutto business, sposato con il suo smartphone, e teme che quella di Clara sia una manovra per mettere le mani sugli affari della madre. Del resto, nessuno si darebbe tanto da fare solo per restituire il sorriso ai bambini, no? Tra esilaranti malintesi e scontri all'ultimo fendente, riuscirà Clara, con i suoi occhi azzurri e i modi scandinavi, a convincere lo scostante e ruvido Joe che il segreto della felicità non è il denaro?





È autunno quando Clara arriva a Yulethorpe, un piccola cittadina inglese, lasciando improvvisamente la Danimarca. Manca ormai poco al Natale, ma l’umore dei cittadini è reso triste dall’ultima novità: anche il negozio di giocattoli di Louisa chiude, come tante altre attività. Louisa è una donna singolare, stufa di vedere la sua attività sempre vuota, che ha voglia di staccare la spina. Mentre prepara la valigia pronta a partire per Madrid, Clara si presenta a casa sua e le fa una proposta: in cambio di ospitalità si prenderà cura dei suoi animali e gestirà il negozio. Louisa accetta entusiasta, la ragazza l’ha conquistata al primo sguardo.

“Aveva ancora tante speranze. E poi aveva fatto un giro per il paese: doveva cambiare qualcosa. Voleva dare loro una mano. Sollevò la testa e affermò, nella stanza ormai silenziosa: «Non ho intenzione di mollare».

Clara trasforma con passione il negozio, ridà vita ai vecchi giocattoli di legno, ripulisce il retro, lo trasforma con il suo stile hygge. Rende il tutto più accogliente, più caldo, più adatto ai bambine e alla famiglie, e crea per loro delle vetrine a tema che i bambini aspettano entusiasti. Il negozio ritrova vita e clienti felici e soddisfatti. Clara finalmente sente di essere nel posto giusto.

“Avevo intenzione di andare via, ma questo posto mi piace. È che … sento qualcosa, sai cosa voglio dire?»

Mentre Clara fa di tutto per cambiare qualcosa, arriva Joe, il figlio di Louisa a interferire. Joe è un uomo d’affari che lavora giorno e notte, che non vede sua madre da anni perché troppo concentrato sul lavoro frenetico. È convinto che nessuno faccia niente per niente, perciò crede che in qualche modo Clara si stia approfittando di sua madre. Clara tenta in ogni modo possibile di convincerlo delle sue buone azioni, ma lui non abbandona le sue convinzioni, così gli propone di vivere insieme nella casa di sua madre, in modo che possa ricredersi imparando a conoscerla. Durante questa convivenza Clara capisce che Joe soffre per qualcosa che l’ha portato a essere così scostante e rigido nei confronti delle persone, perciò inizia la fase “hyggezziamo Joe”. Joe si divide tra il lavoro a Londra e la nuova casa hygge di sua madre, se prima il cellulare e la sua mano erano una cosa sola, ora Clara lo ha convinto che se per qualche ora lo lascia spento non succede niente di male. Ora Joe si concede lunghi bagni caldi con tante candele profumate, e vere cene seduto al tavolo. Clara e Joe imparano a conoscersi, crescono insieme sotto alcuni aspetti. Ma cosa succederà con il ritorno improvviso di Louisa? Joe sarà comunque convinto che vendere il negozio sia la scelta migliore nonostante i tanti clienti?


Questo romanzo è una dolce abbraccio caldo e confortante. È una coperta di pile calda con una tazza di tè fumante. È una nuvola di zucchero filato dolce e soffice. Questo romanzo offre la possibilità di riflettere su ciò che conta davvero nella vita. Spesso la società frenetica, il lavoro ci porta a dimenticare i punti fermi della nostra esistenza, proprio com’è successo a Joe, il lavoro è l’unica cosa a cui si dedica, trascurando perfino sua madre. E poi c’è Clara che ha detto basta tempo prima a questo stile di vita, perché annebbiata dal lavoro e dal successo ha trascurato sua madre e ha imparato a sua spese che il tempo perso non ha valore e nessuno può restituircelo in alcun modo. Il messaggio che Rosie Blake lancia è chiaro: più amore e meno denaro. Il denaro può comprare molte cose, ma mai l’amore delle persone, il tempo o la salute, e cosa conta di più?

Questo romanzo non poteva trovare luce in un periodo più adatto, spero che possa farvi riflettere e sorridere come ha fatto con me. Trovate il tempo per giocare con i vostri bambini, trovate il tempo per cenare con i vostri genitori, trovate il tempo per andare al cinema con gli amici o per chiacchierare con loro fino a notte fonda, trovate il tempo per giocare a carte con i nonni. Trovate un modo per liberarvi dello stress, insomma “hyggezzatevi” come dice Clara.

Il romanzo mi è piaciuto molto sotto svariati punti di vista e lo consiglio perché tutti abbiamo bisogno di una storia così.

Se proprio devo trovare un difetto io non sono un’amante della scrittura in terza persona. La trovo poco coinvolgente e la lettura risulta un po’ più lenta. Per il resto è fantastico e non potete perdervi una storia come questa. Create un ambiente hygge, mettetevi comodi e buona lettura!


5 stelle su 5

A presto,
Valentina



COVER REVEAL: Il colore del Caos di Giovanna Roma


Scrigno, vi presentiamo la cover de Il colore del caos, standalone di genere forbidden romance.
Vi lasciamo alla trama e a un irripetibile giveaway!



TITOLO: Il colore del caos

EDITORE: Self-publish

AUTRICE: Giovanna Roma

GRAFICA: RBA Designs - Romantic Book Affairs

FORMATO: digitale e cartaceo

DATA DI PUBBLICAZIONE: 12 dicembre 2017






Lui indossa jeans e tatuaggi. Io una divisa scolastica.

Lui ha un lavoro che ama, io una vita che odio.

Scott Turner è uno stronzo ventisettenne. Io, Allison Newborn, ammetto di essere una sedicenne difficile da gestire.

Gli sono caduta tra capo e collo e per questo crede di dettare le regole. Certo, continua a ripetertelo.

Abbandonata al lusso di una vita agiata, con due genitori sempre presi da sé stessi, è difficile obbedire agli ordini.

Tutto in lui gli urla di starmi lontano.

Tutto in me prega di combattere dei sentimenti che dovrei rinnegare.

Non abbiamo scelta, siamo costretti a trovare l'armonia in questo caos.

A volte gli incontri avvengono nel tempo sbagliato.

Ci trasformano per sempre.

Ci costano tutto.

Cos'altro può accadere a un amore proibito?



✧ BOOKTRAILER ✧ 
                                 
Le sorprese non finiscono qui! *-*
Tutti coloro (bloggers letterari e non) che desiderano leggere & recensire in anteprima Il colore del caos, possono partecipare al contest:
  





ARC (Advanced Review Copy). 
Non sapete di cosa si tratta?
Semplice. ;) L'autore consegna un numero di copie del suo romanzo inedito in cambio di una recensione onesta (su blog, goodreads, kobo, amazon e tanti altri).

In palio ci sono solo copie digitali e l'invio della scheda, non comporta l'immediata e certa consegna del romanzo.
Avete tempo fino al 02/12/17 per rispondere.
Allora, cosa ne pensate? Ho stuzzicato la vostra curiosità? 


Seguitemi sulla mia Pagina FB per essere sempre aggiornati, e unitevi al gruppo Giovanna Roma's News per avere accesso a tante anteprime e seguire la stesura dei miei romanzi. Mi raccomando, condividete il post. <3


Website / Instagram / Pinterest / Youtube / Pagina Amazon / Facebook / Google + / Twitter / Goodreads

Presentazione: Quello che succede a Natale di Jay Northcote

Lettori, è uscito il 17 Novembre il romanzo di Jay Northcote, a tema natalizio, pronto a far sognare tutti noi. Scopriamo qualcosa in più.



TITOLO: Quello che succede a Natale

TITOLO ORIGINALE: What Happens at Christmas

AUTORE: Jay Northcote

AMBIENTAZIONE: Inghilterra

TRADUZIONE: Sara Benatti per Quixote Translations

GENERE: Contemporaneo

FORMATO: E-book

PREZZO: € 2,99 su Amazon

DATA DI USCITA: 17 Novembre 2017






Se due amici fingono di stare insieme, quello che succede a Natale potrebbe trasformarsi in qualcosa di più?

Justin è recentemente e infelicemente tornato single. Il Natale si avvicina, e non vuole affrontare da solo il suo ex alla festa aziendale. Così Sean, il suo migliore amico e la sua cotta segreta di lunga data, si offre volontario per accompagnarlo e fingere di essere la sua nuova fiamma.

Sean ha sempre desiderato Justin da lontano, ma non ha mai avuto la possibilità di chiedere di più dell’amicizia. Fingere di essere il suo ragazzo non è certo un peso, e se Justin vuole usarlo per la sua rivincita, lui è più che disponibile. Alla festa, la recita e la realtà si confondono, e un bacio sulla pista da ballo porta a una notte di passione.

Dopodiché tutti e due partono dal presupposto che non succederà di nuovo, finché non interviene il destino. Bloccati insieme a Londra durante le vacanze cedono di nuovo alla tentazione.

Ma quello che succede a Natale rimane a Natale… giusto?



domenica 19 novembre 2017

Anteprima: Fuoco e fiamme di Abigail Roux

Buongiorno lettori, esce domani un nuovo romanzo edito dalla Triskell Edizioni. Scopriamo insieme qualcosa in più!



Data di pubblicazione: 20 Novembre
Titolo: Fuoco e fiamme
Titolo originale: Crash & Burn
Serie: Armi e bagagli #9
Autore: Abigail Roux
Traduttore: Caterina Bolognesi
Genere: Poliziesco, Contemporaneo
Lunghezza: 353 pagine















Sono passati cinque anni da quando gli Agenti Speciali Ty Grady e Zane Garrett hanno lavorato per la prima volta insieme per risolvere il caso degli omicidi dei Tre Stati, e con loro il tempo è stato sia duro che clemente. Ormai ufficialmente fidanzati, affrontano la sfida di pianificare insieme un futuro incerto. Zane è all’apice della propria carriera, con un ultimo mistero da risolvere, mentre Ty naviga in un mondo in cui non è più la punta di nessuna lancia.

C’è solo un ultimo intoppo sulla strada verso il lieto fine: un traditore tra le persone a loro più vicine che minaccia di distruggere il loro mondo in un mare di fiamme.

Costretti a destreggiarsi tra il cartello de la Vega, una talpa sconosciuta e fin troppe agenzie dai nomi strani, Ty e Zane dovranno raccogliere tutte le loro forze e risorse per vedersela con la sfida più ardua che abbiano mai dovuto affrontare. Per uscirne vivi, avranno bisogno dell’aiuto di ogni loro amico. Persino di quelli che potrebbero tradire la loro fiducia.



venerdì 17 novembre 2017

Recensione: La promessa di Natale di Sue Moorcroft

Buon pomeriggio lettori! Nuova recensione per questo Venerdì e si tratta di La promessa di Natale di Sue Moorcroft edito dalla Newton Compton. Cosa c'è di meglio con l'arrivo delle feste dei romanzi a tema.

Ve ne parla la nostra Marika!



Un'autrice pluripremiata dallo stile inconfondibile
La magia dell'amore scioglie anche i cuori più glaciali

Ava confeziona cappelli su misura, ma la sua vita è tutt’altro che perfetta. I clienti scarseggiano, ci sono le spese da pagare, un ex fidanzato assillante e, come se non bastasse, il Natale è alle porte. Ava detesta le festività natalizie, soprattutto da quando non c’è più sua nonna, l’unica nella sua famiglia che le abbia mai fatto assaporare lo spirito del Natale. In una fredda sera di dicembre, nella vita di Ava piomba Sam Jermyn, il capo della sua coinquilina Izz. Tra i due volano scintille, e non in senso del tutto positivo. Sam non si lascia scoraggiare dalle resistenze di Ava e, deciso ad aiutarla, le commissiona un cappello per una persona che gli sta molto a cuore. Complice la magia di un Natale che si rivelerà indimenticabile, Ava si ritrova così a impegnarsi in una promessa che le cambierà la vita.
Un'autrice bestseller internazionale
Bestseller in Inghilterra e in Germania
«Adoro tutti i libri di Sue Moorcroft!»
Katie Fforde
«Semplicemente adorabile! Una bella storia di Natale con una dolcissima sorpresa.»
«Una perfetta lettura per prepararsi al Natale, garantito.»




Ava è una ragazza di 30 anni indipendente fin dalla più tenera età,dedita al suo lavoro, cioè quello di realizzare cappelli su misura. Prende sul serio la sua attività e lavora sodo per mantenersi,senza chiedere l'aiuto economico dei suoi genitori. È una ragazza affidabile e leale, questo è dimostrato dal suo atteggiamento, fin dall'inizio distaccato nei confronti dell'affascinante Sam, rispettoso dei sentimenti della sua cara amica Izz. Ma Ava non è solo questo: è una donna, come tante altre, al giorno d'oggi, vittima delle minacce e delle violenze verbali di un ex ragazzo ossessivo e assillante. Gran parte della trama del romanzo è dedicata all'angoscia che questa ragazza si porta dietro a causa dei ricatti che è costretta a subire.
Un altro problema che tormenta Ava è il Natale. Che se per gran parte delle persone il Natale è magia, il Natale è famiglia e amore, per Ava è tutt'altro che positivo. Si rivela disillusa nei confronti di questo giorno importante, perchè per lei si tratta solamente di un susseguirsi di attimi di malinconia e tristezza. Da quando sua nonna è venuta a mancare, niente e nessuno le ha fatto rivivere il vero spirito del Natale. 

"Perché mi stai aiutando?"
"Quale finto fidanzato non lo farebbe per la sua finta fidanzata?"

E poi c'è Sam: titolare dell'agenzia di comunicazione " Jermyn's", nonchè capo della sua migliore amica Izz. Si tratta di un uomo fascinoso,tendenzialmente buono che, al contrario di Ava, non ha nessun problema sul lato economico, grazie anche a ciò che aveva guadagnato con il suo lavoro precedente. Esternamente si dimostra come quello che cerca sempre di fare la cosa giusta, uomo impeccabile e tutto d'un pezzo. Sam è tenace: non si dimostra mai scoraggiato di fronte a qualsiasi resistenza di Ava. Il suo obiettivo è conquistarla, rendere i meriti ai suoi lavori e sostenerla nella lotta contro il suo stalker, e farà di tutto, nel romanzo, per realizzarlo. 

Non basterà di certo la freddezza e l'ostinazione di Ava a buttarlo giù di morale. Ma la cosa sorprendente e straordinaria di questo personaggio è che la sua forgiata corazza nasconde la fragilità tipica di un figlio che è consapevole di poter perdere la persona più cara della sua vita. Ed è questa la specialità del romanzo: la fragilità e la tenerezza rendono disarmata ogni possibile freddezza d'animo, perchè è così che mi piace definire l'effetto che Sam ha su Ava. 


"La toccava come se per tutta la vita non avesse aspettato altro che avere Ava tra le sue mani."

Da contorno alle vicende che coinvolgono i due protagonisti, si denota l'abilità dell'autrice che utilizza l'atmosfera natalizia come strumento per dare calore e luce ai temi forti trattati nel romanzo. Sono affrontati temi importanti e comuni ai giorni d'oggi: lo stalking, le minacce a sfondo sessuale, il cancro e tutte le conseguenze spiacevoli che si porta con se questa amara malattia, la difficoltà economica dei giovani di oggi nell'affrontare un'attività in proprio.
È un libro pieno di colpi di scena, una storia che non risulta mai scontata: ogni girata di pagina si è dimostrata una nuova scoperta.


5 stelle su 5


Alla prossima,
Marika!