mercoledì 27 gennaio 2016

Angela legge... Bodylover di Marco Cannella









Trama: 

RACCONTO LUNGO (37 pagine) - ROMANCE - Bodylover: un uomo misterioso che appare su Facebook, capace di far perdere la testa a qualunque donna, grazie al suo romanticismo. Come può resistergli, l'ingenua Alice?

Tramite Facebook Alice conosce "Bodylover", un individuo misterioso che si nasconde dietro un'identità segreta. Comincia tra i due una strana amicizia consumata tra le righe della chat privata del social. Anche se non l'ha ancora conosciuto personalmente, Alice rimane colpita da quello che scrive e perde la testa per lui, rischiando di compromettere seriamente il rapporto con Tommy, il suo compagno, che da quando è diventato un dirigente la sta trascurando. A nulla servono le parole dell'amica del cuore, Anna, che tenta di dissuaderla dall'incontrare Bodylover, quando lui glielo propone. Alice accetta l'invito, e chiede all'amica di reggerle il gioco, visto che a Tommy dirà che quella sera uscirà con lei. Quello che succederà non può essere raccontato. Va letto...




Recensione:


Alice è una giovane e comunissima ragazza che, non sentendosi più apprezzata dal fidanzato, cerca in altri e con altri mezzi un modo per riappropriarsi del suo essere donna. Conosce su Facebook un ragazzo del quale rimane completamente colpita: la dolcezza, le chiacchiere che riempiono le sue nottate fanno nascere in lei un forte desiderio di incontrarlo nonostante le raccomandazioni della sua migliore amica. Non vorrebbe tradire il suo fidanzato, Tommy, troppo preso dal suo nuovo impiego per dedicarsi a lei. Solo che, la voglia di sentirsi amata a tutti gli effetti, la porteranno a cedere. Non sarà tutto facile, e niente è come la stessa Alice si aspettava.

È la prima volta che leggo un romanzo erotico scritto da un uomo e ne sono rimasta piacevolmente colpita. Marco Canella per me è una garanzia. Ho letto altri suoi lavori e sono sempre rimasta soddisfatta. La sua capacità di raccontare storie in poche pagine è una caratteristica che non tutti possiedono: non risulta frettoloso o incompleto. Anzi, riesce a mescolare bene gli elementi non cadendo mai nel banale o, come in questo caso, nel volgare. Crea storie che hanno sempre un tema di base. Qui può essere uno molto comune, quello dell’insoddisfazione che può portare a fare cose piuttosto sbagliate:

“Mi vergogno di me stessa. Non c’è tradimento peggiore come quello di fare l’amore con lui pensando a un altro uomo; nessuna giustificazione è abbastanza grande da giustificarmi”.


Ci dice, ed è così! Ci sono frasi vere, che rispecchiano la realtà di molte coppie, il pensiero di tutte quelle persone che non vivono una situazione sentimentale appagante e che iniziano a mentire all’altro, una due, tre, quattro volte fino a quando, alla fine, diventa persino un’abitudine:

“[…] tanto ormai lo so che mentire non fa crescere il naso.

Bello, davvero un bel libro con un finale che personalmente non mi sarei aspettata ma che alla fine tutti vorremmo.



5 stelline

Nessun commento:

Posta un commento