giovedì 17 dicembre 2015

Elena legge... Più forte di tutto di Elena Rose



Buon Giovedì appassionati! Siete pronti a leggere la mia prossima recensione? Ho praticamente divorato questo libro, venite a scoprire perché...




Trama:

Camilla vive una vita che non sente sua, intrappolata in una relazione che non le fa più battere il cuore di gioia ma la riempie di paura. Stefano, una volta dolce e gentile, sta diventando un fidanzato sempre più geloso ed opprimente. Quando la sua ossessione verso Camilla diventa violenta, la giovane scappa con l’anima strappata quanto la sua camicetta preferita. Pronta a riprendere in mano la sua vita, coglie al volo l’occasione di trasferirsi lontano, convinta di non avere tempo per l’amore. Il destino, però, non la pensa allo stesso modo e metterà sulla sua strada il sorriso triste di Philippe. Animata da un sentimento che non credeva potesse esistere, dovrà lottare con le unghie e con i denti per scavare nel dolore del bel francese, e cercare di dare voce a quel silenzio tormentato che le è entrato nel cuore. Riuscirà la bella italiana ad attraversare il muro che Philippe si è costruito attorno? Sarà in grado di liberarlo dalla sua angoscia? E quando il passato tornerà a mozzarle il respiro, avrà la forza di rialzarsi e lottare ancora? Due anime segnate da avvenimenti importanti e spaventosi, la magica Parigi a fare da sfondo. Una storia di rinascita dove i veri protagonisti sono i sogni: desideri che non sono fatti per rimanere chiusi a chiave in un cassetto.






Recensione:

Sullo sfondo di una romantica Parigi si intreccia una storia d'amore, di tormento, di sensi di colpa e di rinascita. Elena Rose si cimenta in una trama a mio avviso più articolata e complessa rispetto al precedente libro, e ci riesce non tralasciando nulla. Protagonisti di Più forte di tutto, sono Camilla e Philippe, due ragazzi diversi e per alcuni versi simili, due ragazzi che lottano e che incontrano il vero amore. In un alternarsi di litigi, di risate, di commozione e di baci, la storia di Camilla e Philippe prende forma, si snoda, si complica e si risolve. La protagonista è senza dubbio l'eroina della storia, se così la possiamo definire, è una ragazza che non si arrende, che lotta, che spera e che cerca di superare un brutto episodio. Episodio che la porterà ad accettare un lavoro a Parigi, dove tutto cambierà. L'amore arriva e non sempre siamo pronti ad accoglierlo o siamo abbastanza forti da crederci, e questo è il caso di Philippe. Lui, burbero e chiuso in se stesso, crede di non poter amare, di non avere spazio per lei, ma avrà da ricredersi. Non aggiungo altro perché già ho detto troppo, ma voglio assicurarvi che è un libro che ti arriva, che ti fa passare delle ore in piacevole compagnia. È un libro che divori, che non vedi l'ora di sapere come andrà a finire, o di scoprire quale altra “cavolata” farà Philippe! Sono convinta che l'uso della prima persona in questo libro abbia reso di più e che un POV maschile facesse la differenza, quindi invito Elena a provarci, e magari avrà una bella sorpresa.
Il testo è scorrevole, a livello di forma ho trovato pochissimi refusi, cosa che si può sicuramente eliminare con una rilettura in più, e ci sono alcune scelte stilistiche che personalmente non prediligo, ma è una considerazione puramente soggettiva, quindi....LEGGETELO e ditemi la vostra :)

Nessun commento:

Posta un commento