martedì 4 luglio 2017

Presentazione: Tra i segreti di Villa Aurelia di Brunella Giovannini


Buongiorno lettori, eccoci qua per una nuova presentazione. Scopriamo insieme di chi si tratta.




Villa Aurelia, uno tra gli edifici storico-rurali più significativi della bassa reggiana, é stata la residenza di campagna preferita di Ferrante II Gonzaga, duca di Guastalla. Sembra che quel luogo abbia custodito la testimonianza di una grande storia d'amore, finita tragicamente.
L'evento sismico che nel 2012 ha sconvolto l'Emilia, provocando numerosi crolli, ha portato alla luce segreti rimasti nascosti per secoli. Dalla lettura di un documento rinvenuto nel doppio-fondo di un baule, Diana diventa consapevole di essere direttamente legata a quei segreti e che le avversità e gli avvenimenti dolorosi che negli anni hanno funestato lei e la sua famiglia, forse sono imputabili a un maleficio che si trascina nel tempo. Trasferitasi dalla pianura padana a un piccolo paese ai piedi dell'Aspromonte per insegnare lettere, incontra e sposa Gaetano, ricco proprietario terriero e gestore della farmacia locale. Dopo un attentato in cui perde la vita anche il marito e in seguito a minacce, viene costretta a trasferirsi insieme ai suoi figli, in un luogo dell'Alto Adige, sotto protezione. Il dolore e la lontananza forzata dai propri cari, mettono a dura prova il suo temperamento ma l'affetto ricevuto da due anziani vicini di casa, riesce a mitigare le difficoltà quotidiane. Solo nel momento in cui potrà tornare nel paese natio, scoprirà che anche il luogo tra i monti dove ha vissuto negli ultimi anni, è strettamente legato al passato. In un quadro attuale che vede il terremoto, la ricostruzione e l'infiltrazione mafiosa in Emilia, avvenimenti che domani saranno storia, Diana si rende conto che in fondo il tempo è solo un insieme di cicli, capaci di costruire un ponte tra passato, presente, futuro e dove tutto sembra essere collegato; ma il tempo non riesce a mantenere i segreti e prima o poi, racconta tutta la verità.



Nessun commento:

Posta un commento