martedì 4 aprile 2017

Recensione: Qualcuno come te di Angela di Maio


Buonasera lettori, ed eccoci qui con la nostra Valentina che vi parla dell'ultimo romanzo letto. Scopriamo insieme la sua opinione e come sempre aspettiamo anche la vostra!



La storia di un incontro casuale, un colpo di fulmine tra una donna e un uomo dalla vita e dal carattere diversissimi, entrambi accomunati dal timore di vivere i sentimenti fino in fondo. Leah e Nathan vivono ognuno in un proprio mondo fatto di regole intransigenti a cui obbediscono per non rischiare di mostrarsi nella propria interezza di persone desiderose di amare e essere amati.
La passione e l’amore l’uno per l’altra, raccontata da entrambi, secondo il proprio punto di vista, in un canto a due voci, li travolgerà abbattendo ogni limite autoimposto.
Reagiranno in modo diverso, sconvolgendo se stessi per primi, scoprendo però che di fronte a un sentimento tanto profondamente intenso non esistono fughe né compromessi.



Leah lavora in un grande centro commerciale, osserva i clienti applicando sociologia e psichiatria agli affari. Con il suo lavoro il centro riesce ad essere sempre accattivante e moderno agli occhi del pubblico.

Nathan è un artigiano del legno. Si occupa principalmente della ristrutturazione di immobili.

La loro storia racconta di un incontro avvenuto casualmente proprio nel reparto falegnameria del centro commerciale. Il loro è un colpo di fulmine. Per giorni si osservano e si cercano giocando quasi al gatto e al topo, rincorrendosi per le varie corsie del centro. Vivono entrambi in un loro mondo fatto di regole rigide, che non infrangono per proteggersi, per non rischiare di mostrare i proprio sentimenti e le proprie debolezze. Ma la passione che travolge entrambi li sconvolge, tanto da portarli a mettere in discussione tutto. Reagiranno in modo differente alle loro emozioni, arrivando a rinunciare l’uno all’altra, scoprendo però che davanti all’amore non esistono scappatoie, né fughe, né compromessi.





Generalmente mi tengo alla larga dai romanzi brevi, essendo io prolissa e logorroica trovo questo genere di libri privi di quei dettagli che amo solitamente trovare leggendo, quei particolari che danno carattere ai personaggi e ai luoghi in cui la storia si svolge. Invece per la prima volta sono rimasta piacevolmente sorpresa. Nonostante questi dettagli manchino (ad esempio dei protagonisti si sa poco e nulla, non ci sono descrizioni sui luoghi) la storia è intensa e profonda. La mancanza di molti particolari fa in modo che il lettore si possa concentrare esclusivamente sui protagonisti e sulle loro sensazioni. L’autrice ha voluto raccontare la storia di un uomo e una donna che vengono folgorati da un colpo di fulmine, che non sanno come gestire la passione e l’attrazione che provano. È riuscita a dare un vera identità a questa storia con una scrittura scorrevole ma ricercata, alterando la voce narrante tra Leah e Nathan, invogliando il lettore a leggere per scoprire l’epilogo. Mai prima di questa volta sono stata così felice di poter cambiare idea e dare quattro stelle al romanzo. Lo stile dell’autrice mi è piaciuto moltissimo, perciò sarei davvero curiosa di leggere un suo nuovo romanzo. Lo consiglio a chi vuole perdersi in un vortice di passione, amore e sentimento.



Nessun commento:

Posta un commento