mercoledì 30 novembre 2016

Presentazione: Noi - Come tutto ha inizio di Lucia Tommasi



Oggi vi parliamo di un nuovo romanzo, primo volume di una serie, di Lucia Tommasi Conosciamo insieme la trama e un estratto.



Serena è fidanzata con Andrea da qualche anno e sono molto felici insieme.
La loro vita è perfetta, pensano al matrimonio e ad un futuro, finché una sera arriva il fratello maggiore di Andrea, Michele.
Lui è il classico rubacuori, il bello e dannato che ha ogni sera una donna diversa, non ha mai pensato di innamorarsi. Questo finché non conosce la futura cognata.

I due iniziano una relazione clandestina, fatta di baci rubati e sesso bollente.
Il destino ci mette il suo zampino, una gravidanza e un errore di distrazione li farà scoprire da Andrea.
Serena dovrà fare la temuta scelta.

Michele o Andrea?
Booktrailer: https://www.youtube.com/watch?v=X3zOGXC02qI
Link: https://www.amazon.it/dp/B01MYQAQ5K/ref=zg_bs_1338388031_9?_encoding=UTF8&psc=1&refRID=VAA8MDJ4DWWF62KED6FE
ESTRATTO: 

Michele
Non appena ho sentito la sua voce, le mie forze sono andate a farsi fottere.
Non so da quanto tempo sono qui fuori ad ammirare Berlino, ma so che quella che sto fumando è la seconda sigaretta dopo aver riattaccato con lei e il quinto bicchiere di whisky.
Lo stomaco mi brucia, non so se è perché non ho mangiato, per il whisky o per la situazione dove mi sono cacciato stasera.
Appoggio la fronte alla ringhiera dove ho già appoggiato i gomiti e cerco di pensare positivo, anche se non mi riesce.
Ho passato poco tempo in questa casa dopo la nascita di Michelle, non credo di aver mai accettato la cosa. Ed ora mi sta minacciando cazzo.

Sento le sue mani circondarmi la vita e la sua testa appoggiarsi alla mia schiena nuda. Sento come se milioni di aghi mi entrassero nella pelle ed è una sensazione bruttissima.
<> La sua voce mi faceva impazzire, adesso è come un rumore assordante che ti fa sanguinare le orecchie.
<> Stringo i denti e per distrarmi la mente fisso i palazzi altissimi che formano questa città.
<> Il pensiero di Serena mi fa venire un dolore allo stomaco.

Mi volto, appoggiando la schiena alla ringhiera, lei ne approfitta per buttarsi su di me e circondarmi ancora una volta con le braccia.
Mentre parla, non ascolto quello che dice, ma non posso fare a meno di pensare che è mezza nuda e si sta strusciando su di me.
Il mio cervello e il mio cuore dicono no, va via! Ma il mio cazzo sta iniziando a crescere e vuole sentire quanto è calda all’interno.
I nostri visi sono vicinissimi, i suoi occhi verdi con qualche sfumatura azzurra mi fissano, finché non spariscono perché si sta abbassando.
E’ in ginocchio, le sue mani sbottonano velocemente i miei jeans e in un attimo le sue labbra circondano il mio membro, succhiandolo come solo lei sa fare.
Ormai è difficile rimanere lucido, non riesco più a ragionare e mi lascio trasportare da tutto.

Nessun commento:

Posta un commento