giovedì 20 ottobre 2016

Recensione "Al di là del Tevere - Giulia Benedetti"

Buon pomeriggio, gioie dello scrigno.
Nuova recensione in arrivo, tutta per il uovo romanzo di Giulia Benedetti.
Buona lettura...




Un incontro casuale.
Un destino impossibile da evitare.

Nella magica Roma dei giorni nostri, Giorgio Cappelletti, fotografo di 39 anni, incontra causalmente Valeria Capitani, supermodella di 30 anni.
Valeria è subito colpita dal carisma di Giorgio, e dalla sua personalità particolare, e proprio grazie alla sua solarità proverà in tutti i modi a fare breccia nel suo cuore.
Giorgio, invece, cercherà di non farsi coinvolgere troppo per evitare di ricadere in quella trappola mortale che è l'Amore con la A maiuscola.
Entrambi, però, hanno un segreto. E faranno di tutto per proteggerlo.
Con protagonisti gli amici Pietro e Claudio, le amiche Anna e Sabrina, e il carismatico Flavio, Al di là del Tevere è una storia che parla di amore, di rivincita, di paure... e di destino.



Adesso, proviamo a mettere la meravigliosa copertina da parte di questo romanzo, e concentriamoci nella città in cui è ambientato: Roma. Vi chiederete “E quindi?” Beh, io amo i romanzi ambientati in questa meravigliosa città. Mi dà l’impressione che lì nascano le più belle storie d’amore, quelle che ti fanno sognare. Insomma, è o non è la città eterna? 
E se vi state chiedendo se abito lì la risposta è no, semplicemente mi affascina. 
Comunque… location a parte, sarà riuscito questo romanzo a farmi sognare come desideravo?

Giorgio Cappelletti e Valeria Capitani, non potrebbero esistere persone più diverse da loro due. Lui fotografo trentanovenne dall’aspetto trasandato. Lei modella trentenne bella da far paura. Lui non vuole nessun tipo di legame. Lei sogna quell’amore che non è riuscita mai a trovare. Eppure hanno qualcosa che li accomuna, un passato torbido difficile da mandare via dalla propria vita, soprattutto quando è parte di noi. E la splendida Roma sarà complice del loro incontro casuale, non sarà amore a prima vista, perché in fondo, l’amore vero va a graduazioni crescendo con il tempo che dovranno trascorrere insieme. E poi… quei ritorni che dopo anni non ti aspetteresti mai, quelli che mettono in subbuglio la tua esistenza e ti fanno chiedere: perché, perché proprio adesso? 



Sì, miei cari, la risposta è sì. Questa dolcissima storia ha saputo farmi sognare nel modo giusto, con la sua semplicità e delicatezza. La cosa che mi è piaciuta tanto, più di tutto, è il fatto che il protagonista maschile sia un uomo come tanti, non come siamo sempre abituate a leggere o a scrivere: fighi pazzeschi che se li incontri per strada pensi sia un miraggio. No, Giorgio Cappelletti è uno di quegli uomini che riescono a farvi innamorare di lui con la sua simpatia, il suo fascino e il suo modo di dare attenzioni alla donna che ama. Va bene l’aspetto fisico, ma non è forse tutto questo che cerchiamo nell’uomo della nostra vita? 
Ve lo dico a priori, se state cercando qualcosa in cui vengano descritte scene di sesso passo dopo passo, state lontani da questo romanzo. Questa è una di quelle letture di cui il cuore ha bisogno per riuscire a sognare ancora, una di quelle che non ti fanno perdere la speranza che, magari, un giorno incontreremo un Giorgio Cappelletti capace di amarci come ogni ragazza meriterebbe di essere amata. 


VOTO: 4 stelle su 5
Alla prossima, Arianna!




1 commento: