mercoledì 20 luglio 2016

Anteprima: Giusto per chi? di Alessia di Maria



Buongiorno lettori.

Eccoci qui per una nuova presentazione. Si tratta di un romanzo che uscirà il 23 Luglio, tutto Made in Italy, Self Publishing.




TITOLO: Giusto per chi?
Autore: Alessia Di Maria
Genere: Women's Fiction
Editore: Self Publishing

Sinossi:

Atena vive una lotta instancabile contro il mondo che la giudica e tenta di cambiarla. In fuga da un rapporto mendace e complesso con una madre che l'ha costretta sin dalla tenera età alle sue posizioni e alle sue scelte, si trasferisce a Concaura con Greta, la sua compagna di vita a quattro zampe. In questa nuova città investita da un vento incessante, si troverà costretta in rapporti umani che incrineranno la sua visione del mondo. Tra le persone che irromperanno nella sua vita, due uomini, Orlando e Claudio, si faranno manifesto della lotta interiore che si anima nel cuore di Atena. Una corazza come difesa che però, su di lei, pesa come un macigno. "Si arrogavano tutti il diritto di stabilire cosa fosse vero, falso, giusto o sbagliato. Ma non facevo forse anch'io la stessa cosa?"


ESTRATTI:


"Claudio mi sorrideva da lontano poggiato ad un carrello. Non cercava il mio sguardo ma mi osservava. Stava con i suoi occhi fastidiosamente blu a guardarmi e a compromettere quella durezza ostinata. Il suo sguardo, illuminato da un sorriso stretto, sembrava perso dentro ad un pensiero dolce. Sembrava vedere in me qualcosa di bello, ma se qualcosa di bello in me c'era volevo rimanesse un segreto. Volevo proteggerlo da chi avrebbe potuto dominarlo, possederlo. Era più facile rimanere ostile, nascondere l'amore per non consumarlo."



"Mi voltai, posai il mio sguardo sul suo e mi agganciai a quegli occhi blu. Loro sapevano agitarmi come il vento di quei giorni, più forti di qualunque corrente potesse attraversare quella città instancabile. Spostavano le foglie cadute a terra da tempo, tutte le mie immutabili certezze, tutte le mie maledette posizioni, così pesanti, così costanti, adesso così fragili."



5 DOMANDE ALL'AUTRICE:

  1. Ciao Alessia e benvenuta. Iniziamo con una semplice domanda. Chi sei? E come ti sei avvicinata alla scrittura? 

Ciao e grazie per avermi concesso questo spazio! Difficile scrivere in poche righe chi sono. Ma non credo di sbagliare dicendo che sono una ragazza che ama mettersi in gioco, dunque cerco di non darmi limiti nella sperimentazione su me stessa e in qualche modo questo mi ha portata alla scrittura. Ero piccola quando ho iniziato. La musica mi ha condotta davanti ad un foglio bianco con una penna in mano. Ho iniziato con lo scrivere testi di canzoni e pensieri (chiamarle poesie mi pare inopportuno) poi è nata l'esigenza di mettere su carta tutte quelle storie che amavo inventare nell'intimità della mia immaginazione ed eccomi qui con un sogno forse più grande di me: arrivare nei cuori di persone che fisicamente non avrei mai potuto raggiungere.


    2. Come è nato “Giusto per chi?” e quale messaggio vorresti dare ai tuoi lettori, attraverso il romanzo? 

“Giusto per chi?” è nato praticamente da solo. È partito tutto da Atena, la protagonista. Si portava dietro la sua storia le sue caratteristiche forse non troppo singolari, e insieme a queste sono nate conseguenze quasi inevitabili. Penso che un romanzo possa comunicare infiniti messaggi, dunque posso dirvi cosa ho pensato io scrivendolo. La ragione portante di tutta la storia è stato un pensiero: siamo diversi. Su questa base dobbiamo imparare non a capirci ma ad accettarci. Perché non siamo né giusti né sbagliati, solo diversi.


    3. Cosa ne pensi dell'editoria italiana? Self Publishing o Casa Editrice, quali sono per te i pro e i contro? 

Penso sia tutto molto complicato. Il Self Publishing concede un'opportunità incredibile. Credo sia la nuova forma di gavetta letteraria. È difficile arrivare ai grandi editori sin dalla prima pubblicazione però ci sono delle piccole realtà interessanti da valutare. Dipende molto dalle persone che lavorano dietro ai nomi, che siano grandi o piccoli. Questa, con “Giusto per chi?”, è la mia prima esperienza self e devo dire che sto scoprendo una realtà sfaccettata. Esiste una strana e brutta competizione, fatta di segnalazioni ingiustificate e pregiudizi del tutto inutili ma ci sono tante belle persone pronte a darti una mano senza neppure conoscerti.


    4. Perché dovremmo leggere il tuo libro? 

Sono l'autrice, dunque potrei giustamente elencarvi tutti i motivi per i quali il romanzo mi entusiasma, ma sarei inevitabilmente di parte. Vi esorto semplicemente a leggere e scoprire più che potete che sia la mia storia o la storia di un'altra autrice.


   5. Lasciaci il tuo estratto di “Giusto per chi?”

"I suoi occhi non erano chiusi come quelli di Giulio, non erano pericolosi come quelli di Claudio. I suoi occhi erano comodi come un poi, come un lento e incessante rimandare qualcosa di cui si ha paura. Era una stasi perfetta, una pausa da quel mondo tanto complicato, dove nulla era facile, neppure ammettere l'amore, neppure ammettersi autentici, non giusti, non sbagliati, solo similmente diversi."


Grazie mille ancora. Il vostro lavoro è prezioso per tutti gli autori e i lettori!



    1. In bocca al lupo da tutto lo Scrigno!

Nessun commento:

Posta un commento