mercoledì 20 aprile 2016

Recensione: In silenzio nel tuo cuore


Buon Mercoledì lettori! Iniziamo la giornata con la recensione, a cura di Arianna, di un nuovo libro. Scopriamo insieme la sua opinione!



Trama:

Claudia ha sedici anni e ha imparato che il liceo è una giungla in cui vince il più forte, in cui non c’è spazio per la sua timidezza e insicurezza. Un po’ di trucco, uno sguardo sfrontato e in un attimo fai parte del gruppo dei ragazzi che contano: superiori e vincenti. Ed è proprio lì che Claudia vuole arrivare. Perché essere diversi non porta da nessuna parte, se non a sentirsi sempre più soli. Perché quello è il mondo a cui appartiene Rodrigo, irraggiungibile che non si lascia scalfire dai sentimenti: il più ammirato della scuola, il più temuto, il più prepotente. Lui così diverso dal ragazzo che Claudia avrebbe immaginato accanto a sé. Eppure vorrebbe solo perdersi nei suoi occhi blu cobalto. E quando Rodrigo le chiede di uscire, Claudia non riesce a credere che sia vero. Non c’è altro da desiderare, tutto sembra perfetto. Ma all’improvviso la vita la mette davanti alla prova più difficile, e niente può essere come prima. La sua realtà si infrange in mille pezzi, come le sue emozioni a cui non sa dare un nome. Ogni cosa intorno ora appare falsa e inutile. Ogni persona è diversa da come la immaginava. Anche quelli che pensava fossero amici. Anche Rodrigo. Persino lei stessa. 
Senza più nessuna certezza, Claudia scopre che crescere vuol dire guardarsi dentro per davvero, senza falsi alibi. Vuol dire decidere chi si vuole diventare e tracciare il proprio percorso. Sicuri che c’è sempre la possibilità di sbagliare, di scegliere, di fermarsi e ripartire. L’importante è guardare sempre l’obiettivo, ascoltare il proprio cuore e non tradirlo mai. 
In silenzio nel tuo cuore è un caso editoriale raro. Il debutto potente di un’autrice di diciassette anni con una scrittura decisa, originale, incisiva. 




Recensione:


“In silenzio nel tuo cuore” Un romanzo che dal titolo, dalla trama e magari dai suoi capitoli iniziali può sembrare una banale storia d’amore tra due adolescenti. Fino a quando non si arriva a un capitolo in cui cambia tutto, anche il tuo modo di pensare nella vita. Perché è proprio vero che riusciamo a comprendere l’importanza di una persona solo quando, ormai, la vita ha deciso di portarcela via. 

Ed è proprio questo che succede a Giulia, una ragazza di sedici anni che l’unica cosa di cui le importa è essere tra i più popolari della scuola. La sua bellezza le dà la forza di dimostrarsi per quello che gli altri vorrebbero vedere, e lei lo sa senza problemi. Perché essere tra le più belle, tra quelli più temuti è più facile vivere. Senza doversi mai preoccupare di restare senza amici o di fare brutte figure per il proprio aspetto. Ma lei non era così, e solo chi conosce la vera Giulia sa com’è in fondo. Lei è buona, non è prepotente, è umile, sa che le cose più importanti della vita sono altre. Eppure per piacere agli altri cambia se stessa. Fino a quando, nella sua vita non cala il buio per una terribile disgrazia. Un’incidente le sconvolge completamente la vita. Da quel giorno in poi non sarà più la stessa, o meglio dire, ritornerà a essere ciò che realmente è. Da allora si inizia ad apprezzare il personaggio di Giulia, ma in fondo chi di noi da adolescente non ha desiderato essere sempre il migliore di tutti? E non per il suo caratteraccio iniziale l’ho odiata, ma il suo cambiamento sarà fantastico. Tanto che non ho più smesso di emozionare dopo ogni cosa che faceva. E ammetto di aver anche pianto, ma da quello che si legge è impossibile tenere a freno le lacrime. 

Magari molti di voi sono scettici nel leggere questo romanzo, pensando che una ragazza di 17 anni potrebbe scrivere solo una sdolcinata storia s’amore senza senso, ma posso garantirvi che è l’esatto contrario. Inizialmente anche io pensavo questo, poi mi ha stupita e mi sono innamorata della penna dell’autrice. 

Alice Ranucci con questo romanzo è riuscita a farmi ritornare indietro con gli anni, ritrovandomi nella vita di Giulia e di tutti gli altri, ma soprattutto a condividere i loro dispiaceri. Mi ha regalato delle emozioni da brivido, e più si avvicinava la fine più non volevo smettere. Ma è stato proprio durante il capitolo finale che il mio cuore si è sciolto completamente. 

Un romanzo da leggere, lo consiglio soprattutto alle adolescenti, perché possano capire il vero valore della vita e delle persone che ci circondano.


Voto: 5 stelle su 5

Alla prossima, Arianna!

Nessun commento:

Posta un commento