giovedì 27 luglio 2017

Recensione: Basta chiedere di Megan Maxwell

Buongiorno Scrigno! La nostra Francesca ha letto per voi Basta chiedere il capitolo conclusivo della storia di Eric e Jud. Scopriamo insieme la sua opinione.


Una delle autrici più vendute in Spagna
Nonostante le continue litigate per via dei caratteri così diversi, Eric Zimmerman e Judith Flores sono ancora innamorati come il giorno in cui i loro sguardi si sono incrociati per la prima volta. Insieme hanno formato una bella famiglia che amano follemente e per la quale sarebbero in grado di fare qualsiasi cosa. L’avvocato Björn e l’ex tenente Mel continuano la loro bella storia d’amore e indubbiamente convivere è stata la scelta giusta, ma c’è qualcosa che coronerebbe il loro sogno d’amore e che Björn non riesce a ottenere dalla sua amata: il definitivo sì. Le relazioni delle due giovani coppie stanno procedendo alla grande: si amano, si rispettano e tutto sembra illuminato dalle stelle più luminose, fino a quando, improvvisamente, il passato li raggiunge e rimette tutto in discussione. Saranno in grado di superare anche questa svolta inaspettata o, al contrario, le loro vite cambieranno per sempre? Basta chiedere, l’attesissimo nuovo romanzo di Megan Maxwell, è anche il più sensuale, erotico e romantico della serie.
Dall’autrice di Chiedimi quello che vuoi, il libro più sexy, erotico e sensuale del 2017
Ai primi posti delle classifiche in Spagna

Le lettrici dicono dei suoi libri:
«Una storia d’amore e passione, dalla quale non potrete che restare incantati.»
«Megan Maxwell non delude, mai.»
«Intrigante e travolgente ai massimi livelli!»




Buon giorno lettori,

oggi vi parlo del romanzo che conclude la serie “Chiedimi quello che vuoi” di Megan Maxwell. Ho iniziato a leggere questa serie un paio di anni fa, appassionandomi subito al genere e al modo di scrivere di questa autrice.

La storia di Eric e Jud l’ho adorata sin dall’inizio. Lui così austero e rigido, che riesce a sciogliere il suo cuore di ghiaccio solo tra le braccia della bella e caliente Judith, che grazie alla sua indole spagnola e al suo carattere solare riesce a farsi apprezzare da tutti. Li ritroviamo nel capitolo conclusivo della loro storia “Basta chiedere” alle prese con i problemi tipici di una coppia atipica. Eric e Jud, infatti non possono e non devono essere considerati una coppia come tante. Hanno le loro regole, la loro lussuria che si intensifica sempre di più andando avanti nella lettura e che fortificano il loro rapporto maggiormente; e ora hanno anche tre bambini a cui badare.



“Ti desidero più della mia vita, ma non ti darò quello che vuoi perché stanotte mi hai cacciato via, e non te lo meriti. E così non perdere tempo Judith perché non otterrai niente”


Sarà però il loro “primogenito” Flyn a dare alla coppia dei seri problemi. Sarà il ragazzino dal temperamento forte a mettere in discussione il loro ruolo di genitori, soprattutto in Judith. Riusciranno però a riportare il ragazzino sulla retta via cooperando tra loro. Mi è piaciuto molto questo aspetto della storia, perché se all’inizio i due protagonisti non riuscivano ad affrontare i problemi tipici dell’adolescenza che risultavano sempre più evidenti nel figlio, alla fine facendo fronte comune sono riusciti a risolvere quell’ostacolo. Ho letto una specie di insegnamento in questo e l’ho apprezzato rendendo il romanzo molto più complesso di quello che può sembrare.

Accanto alla coppia che ha stregato l’Europa con il loro amore fuori dagli schemi troviamo Mel e Bjorn due co-protagonisti che potrebbero benissimo rubare la scena. La loro storia, a mio parere, ha reso il romanzo molto più piacevole da leggere. 

“Mel innamorata osservava il suo uomo e si convinceva che doveva sposarlo a tutti i costi. Era il suo vero e grande amore.”

La storia di Eric e Jud ormai era arrivata al capolinea e in alcuni capitoli portare avanti la lettura è stata una specie di “mission impossible”. La loro storia, infatti, per come la vedo io poteva benissimo concludersi con il romanzo precedente. Nulla da togliere alla scrittrice, che riesce comunque a conquistare il lettore con la sua scrittura coinvolgente e lineare, ma avrei apprezzato molto di più un romanzo che si concentrava solo sulla storia tra Mel e Bjorn. È stata la loro storia a coinvolgermi completamente, ed ecco spiegate le mie tre stelline ad un romanzo che non ho esitato a leggere appena scoperta la sua esistenza. 

Nonostante abbia adorato Eric e Jud, ho trovato in questo romanzo una forzatura, un voler trascinare la loro storia per le lunghe e che ha reso la lettura molto più lenta. 

Lo consiglio? Ovviamente si, se non altro solo per leggere la storia di Mel e Bjorn, una delle poche note positive di questo romanzo. 

3 stelle su 5

Nessun commento:

Posta un commento