lunedì 5 giugno 2017

Blog Tour - Terza tappa. Recensione: "Butterfly Tattoo" di Deidre Knight





Buon pomeriggio, gioie dello scrigno.
Sono qui per parlarvi, in super anteprima, del romanzo di Deidre Knight edito Triskell Edizioni. 
Buona lettura...



Butterfly Tattoo: Edizione italiana di [Knight, Deidre]
Titolo: Butterfly Tattoo 

Autore: Deidre Knight

Editore: Trsikell Edizioni

Pagine: 569

Prezzo: 6,99 

Sinossi:

Proprio quando l’oscurità sembra ormai perenne, il destino riporta la luce.
Michael Warner è scivolato in una sorta di intorpidimento mentale da quando il suo compagno è stato ucciso da un autista ubriaco. Con l’avvicinarsi dell’anniversario dell’incidente, la sua sofferenza diventa sempre più soffocante. Eppure deve riuscire a trovare una via d’uscita dal labirinto di dolore e di segreti così da riprendere a vivere per la loro giovane figlia, che lotta contro il senso di colpa per essere sopravvissuta allo schianto.
Dall’oscurità giunge una voce, un’ancora di salvezza che non si sarebbe mai aspettato di trovare: Rebecca O’Neill, produttrice esecutiva dello studio cinematografico nel quale Michael lavora come elettricista.
Rebecca, un’ex celebrità rimasta ferita in seguito all’attacco di un fan pazzo, si è ritirata dalle scene, certa che nessuno potrà mai guardare oltre il suo aspetto sfigurato. La scintilla tra lei e Michael giunge inattesa, così come il legame quasi mistico con la figlia. 
Per la prima volta, tutti e tre si trovano costretti a esaminare le loro cicatrici alla luce dell’amore. Ma fidarsi è difficile, soprattutto quando non sei sicuro a cosa credere quando ti guardi allo specchio. Alle cicatrici? O alla verità?



Rebecca O’Neill è un ex celebrità, la quale è stata ferita gravemente da un suo fan, che qualche anno fa ha tentato di ucciderla e infatti sembra un miracolo che lei sia ancora viva dopo un attacco del genere. Da quel giorno, imbarazzata del suo aspetto, ha deciso di ritirarsi del tutto dalle scene, diventando però produttrice di uno studio cinematografico. 

“Quando qualcuno muore, rimani con montagne di ricordi. In un primo momento, ti ci butti a capofitto, te ne riempi avidamente le mani disperato di tenere stretta a te la persona amata, non importa il prezzo che dovrai pagare, ma nel corso del tempo si mettono a fuoco particolari istantanee di vita. Sono quelle che emergono continuamente dai sogni e quando la mente va alla deriva, spuntando sul radar quando meno te l’aspetti.” 

In quello stesso studio Michael Warner lavora come elettricista. Un uomo che vive costantemente nel passato, quello in cui il suo amato Alex era ancora vivo e non era stato investito da un automobilista ubriaco che sembra aver distrutto la sua vita e quella della sua piccola bambina Andrea. Neppure lei è ancora riuscita a superare la perdita del suo adorato papino. 

“ «L’amore è abbastanza?» 
«Abbastanza per cosa?» 
«Abbastanza per perdonare una moltitudine di peccati… abbastanza per far funzionare le cose, quando si trova la persona giusta con cui trascorrere la nostra vita. A prescindere da chi sia, dal suo passato.»” 

Rebecca, Maichael e Andrea faranno capolinea l’uno nella via dell’altro, man mano ognuno di loro cercherà di mettere a nudo le proprie cicatrici; che siano quelle esterne che quelle interne. La voglia di ritornare a vivere per loro è forte, ma i pentimenti e la paura di un passo falso lo sono ancora di più.


Appena ho letto la sinossi di questo romanzo la prima parola che mi è uscita di bocca è stata: figo. Quando ho scoperto la copertina poi non vi dico la felicità, beh c’è pur sempre rappresentato una delle cose che più amo su di essa, il mare. 
Ma adesso concentriamoci un po’ sul suo contenuto. 

Inizialmente sembrava uno di quei soliti romanzi in cui i protagonisti si salveranno la vita l’uno con l’altra, non che sia una cosa noiosa, anzi amo questo tipo di storie in cui vi è la rinascita di una o più persone. Ma il tutto ha iniziato a prendere più valore quando è entrata in scena la piccola Andrea, una bambina di appena otto anni che deve già combattere con uno dei dolori più forti. Non ho capito dal primo istante perché si comportasse in un determinato modo, certo quello che deve affrontare è già un grande motivo, eppure non riuscivo a comprenderla del tutto. Poi, man mano, ho iniziato a conoscerla meglio e la sua tenerezza mista a coraggio sono riusciti a toccarmi il cuore. Nelle scene padre/figlia mi sono ritrovata spesso commossa, perché per quanto due innamorati possano trasmettere dolcezza, sono loro due insieme a creare l’amore più grande e forte pronto a sconfiggere ogni ostacolo. 

L’autrice ha avuto la capacità di intrattenermi con la lettura del suo romanzo fino a quando gli occhi non si stancavano. Tutto questo è dovuto al fatto che, capitolo dopo capitolo, si riesce a comprendere il fatto che ci siano dei segreti, che lei ha avuto l’astuzia di svelarli a tempo debito in modo da intensificare le vicende e, così, tenerti attaccata fino alla fine. Anche se, alla resa dei conti, mi son accorta che ci sono alcune cose lasciate in sospeso. 
Per il resto non c'è altro da dire, se non che è un romanzo toccante, dolce e colmo di speranza. 

Tre anime invase dall’oscurità sono pronte a trovarsi sulla stessa strada, cercando di riportare luce l’uno nella vita dell’altra. Ma spesso, il passato e la paura si uniscono ed è così che ogni cosa bella sembra dissolversi da un momento all’altro. L’amore, a volte, per quanto forte possa sembrare, non è abbastanza da sconfiggere i demoni che ci portiamo dentro. Questa è la prima causa per cui ci ritroviamo a fare scelte sbagliate, la prima è quella di far volare via da noi quella persona che potrebbe renderci felici. 



VOTO: 4 stelle su 5
Alla prossima, Arianna.



Di seguito vi riportiamo tutte le tappe del libro.

Prima Tappa: 29 Maggio Testa e Piedi Tra le Pagine dei Libri – estratto
Seconda Tappa: 1 Giugno Io Resto Qui a Leggere – Presentazione dei personaggi
Terza Tappa: 5 Giugno Lo Scrigno delle Letture – Recensione in anteprima.
Quarta Tappa: 9 Giugno Stamberga d’Inchiostro – Intervista con l’autrice


Nessun commento:

Posta un commento