mercoledì 3 maggio 2017

Recensione: Shadowhunters. Signora della mezzanotte di Cassandra Clare

Buon pomeriggio, gioie dello scrigno.
Amanti della saga Shadowhunters di Cassandra Clare ce ne sono?
Perché sto per parlarvi proprio di uno dei suoi romanzi, edito Mondadori.
Buona lettura...



Titolo: Shadowhunters. Signora della mezzanotte

Autore: Cassandra Clare

Editore: Mondadori

Sinossi: 
Los Angeles 2012. 
Sono passati cinque anni da quando Emma Carstairs ha perso i genitori, barbaramente assassinati. Dopo il sangue e la violenza a cui ha assistito da bambina, la ragazza ha dedicato la sua vita alla lotta contro i demoni ed è diventata la Shadowhunter più talentuosa della sua generazione. Non ha però mai smesso di cercare coloro che hanno distrutto la sua famiglia e, quando si rende conto che l'unico modo per arrivare ai colpevoli è quello di allearsi con le fate, da anni in lotta con gli Shadowhunters, non si tira indietro. È una partita molto pericolosa, ma Emma, insieme a Julian, suo migliore amico e parabatai, ha tutte le intenzioni di giocarla fino in fondo. Non solo la ragazza potrebbe finalmente vendicarsi, ma per Julian si apre la possibilità di riabbracciare il fratello Mark, che anni prima era stato costretto a unirsi al Popolo Fatato. Inizia così una corsa contro il tempo, un'indagine ricca di colpi di scena, dove i bluff e i doppi giochi non mancano e i sentimenti più profondi sono messi a dura prova. Compreso quello che lega Emma e Julian, forse di natura diversa rispetto a quel legame puro, unico e indissolubile che dovrebbe unire due parabatai: un sentimento che la Legge non accetta.



Sono passati anni ormai da quando Emma, giovane Shadowhunters, ha perso entrambi i genitori. Da allora è rimasta nell’istituto della famiglia Blackthorn, insieme a coloro che ha sempre definito fratelli e sorelle. Ma la voglia di scoprire l’assassino dei suoi non l’ha abbandonata neanche un attimo, la vendetta le scorre nelle vene allo stesso ritmo del sangue. 

“ «Posso restare?» 
Era il loro codice, la versione breve della richiesta più lunga: 
Restare mentre tu mi fai dimenticare gli incubi. Restare mentre tu dormi accanto a me. Restare mentre tu scacci i brutti sogni, i ricordi del sangue, dei genitori morti, degli Ottenebrati con gli occhi nero pece.” 

In questa missione non è sola, a sostenerla in tutto ci sono i Blackthron, ma soprattutto Julian: suo migliore amico fin dall’infanzia e poi divenuto anche suo parabatai. Insieme inizieranno ricerche su ricerche, anche perché non si tratta solo di Emma, ben presto anche Julian avrà un compito da portare a termine. Ovvero, fare in modo che suo fratello Mark resti per sempre con loro. 

“Quando stavano insieme, era come respirare il doppio dell’ossigeno, avere il doppio del sangue, avere due cuori per guidare i movimenti del corpo.” 

Il legame tra parabatai è più forte di qualsiasi altra cosa, due Shadowhunters insieme potrebbero essere addirittura imbattibili. Ma c’è una legge molto severa per loro, non dovranno mai innamorarsi l’uno dell’altra. Julian ed Emma sono molto giovani e potrebbero infrangerla con facilità, fino a quando non viene svelato il motivo per cui esiste. Allora le cose cambieranno sul serio.




Ormai sono una fan sfegatata di questa serie, non posso davvero farne a meno. Certo, rischio di diventare povera con tutti quelli che ancora dovranno uscire, ma se un libro riesce a farti provare mille e più emozioni, chi se ne frega del denaro speso per esso. 
In questo volume vi troviamo Emma e Julian, la loro storia mi ha conquistata fin dall’inizio. E non intendo come coppia di innamorati, ma tutto quello che accade a questi ragazzi. Ho adorato lei fin da subito, una vera e propria guerriera. E lui? Impossibile non amarlo. Julian è la dolcezza fatta in persona. Nonostante i problemi che si porta dietro, riesce a non arrendersi mai. Poi, naturalmente, ci sono anche altri protagonisti ad animare il tutto, donandovi anche loro molte cose belle… ma anche brutte. 
Insomma, sarà da quando ho letto il primo che ve lo dico ormai, ma voglio ripeterlo, dovete assolutamente leggerli. Perché non si trattano di semplici fantasy che vi portano a scoprire posti o creature inesistenti. No, c’è molto di più in questi scritti. Oltre a farci sognare mondi fantastici, anche l’amore ha la sua parte. Di sicuro non in ogni singola pagina, ma quando vi imbatterete in alcune scene sarà difficile tenere a freno i battiti del cuore. Perché alla fine Cassandra Clare è questo: sogni, sorrisi, lacrime, passione, amore e… emozioni. Ah, l’avevo già detto? 
Ma alla fine è la pura realtà, la penna di quest’autrice riesce sempre a scaturire in me tante belle sensazioni. Infatti quando mi avvicino alla fine di ogni suo libro mi viene sempre un po’ di angoscia, non vorrei mai arrivare all’ultima pagina. 
Un altro romanzo di Zia Cassie. 
Ennesimo capolavoro.


VOTO: 5 stelle su 5
Alla prossima, Arianna!

Nessun commento:

Posta un commento