martedì 14 marzo 2017

Recensione ''Amore, malintesi e... zombie!'' di Arianna Di Luna

Scrigno,
oggi la nostra Francesca ci parla del romanzo Amore, malintesi e... zombie! di Arianna di Luna. Venite a scoprire la sua opinione!


TITOLO: Amore, malintesi e... zombie!


AUTORE: Arianna Di Luna


EDITORE: Self publishing


PREZZO: 1.99 ebook, 6.90 cartaceo

Amanda ha ventisei anni e nessuna reale ambizione, a parte quella di trovare un principe azzurro che assomiglia a Christian Grey.
Steve è un nerd complottista fissato con i videogiochi e convinto che l’apocalisse zombie stia per arrivare.
I due non hanno niente in comune se non il fatto di vivere sullo stesso pianerottolo. Ma un giorno Steve salva Amanda dall’attacco di una creatura che sembra morta ma che cammina, corre e… ha tutta l’aria di volerla mangiare!
Da quel momento Amanda guarda Steve con occhi diversi, ma la città è invasa da un’orda di zombie affamati di carne umana e non c’è tempo per innamorarsi… o forse sì?


Amanda è una giovane ragazza che sogna una vita totalmente differente da quella che sta vivendo. Sogna il suo Christian Grey che con l’elicottero le faccia fare il giro della città. Sogna di ricoprire un ruolo importante in una grande redazione. Ma la realtà è ben distante dalla sua fantasia. Abita in un quartiere pacifico di New New Rome, il suo vicino è un nerd asociale di cui a malapena si ricorda il nome e la sua vita non poteva essere più piatta di così. Fino a quando, una sera non si addormenta e il mattino dopo viene svegliata da un’orda di zombie che cercano di mangiarla. Sarà proprio Steve, il vicino anomalo e strampalato a salvarla dall’apocalisse che incombe sulla città. Amanda e Steve riusciranno a scappare, grazie soprattutto al sangue freddo di lui e alle sue doti da tiratore scelto e riusciranno a rifugiarsi in una baita lontano dalla città. Perché Steve sapeva che l’apocalisse sarebbe arrivata e non so è fatto trovare impreparato.


"L'apocalisse è iniziata da neanche mezz'ora e già somiglio a una reduce del Vietnam"

Durante i giorni alla baita Amanda scopre che Steve non è solo un nerd psicopatico e anomalo. Ma un ragazzo che dietro agli occhiali spessi nasconde un paio di occhi color petrolio, ha un sorriso affascinante e dei pettorali che non si addicono proprio al suo status di nerd. Così Amanda non potrà fare altro che… prendersi una bella cotta per lui. Ma non sarà l’unica a perdere la testa nella baita (non lo dico solo in senso figurato).


Steve e Amanda vivranno un’avventura che ha dell’incredibile e sarà grazie agli amici di Steve (tutti nerd e altrettanto pazzi come lui) che entrambi usciranno illesi dall’apocalisse zombie, e sarà proprio grazie all’apocalisse che Amanda incontrerà il suo Christian Grey, ma ora che lo ha trovato, è davvero quello che ha sempre desiderato?

Un nuovo nome, una nuova città e una nuova vita aspettano Amanda quando l’apocalisse finirà. Quello che ha sempre sognato si materializza davanti a sé come per magia. Ma il successo basterà a far tacere il suo cuore ora che Steve non è più con lei?

"Che strano trovare il proprio Christian Grey e poi accorgersi che non lo si vuole più."

Un romanzo che mi ha intrigato fin dalle prime battute facendomi sorride e ridere grazie al sarcasmo che caratterizza la nostra protagonista. La scrittura fluida e coinvolgente dell’autrice già mi era nota. Ma in questo romanzo, lascia un qualcosa di sé che nella trilogia non c’è. Una marcia in più che rende la lettura piacevole e ti lascia quel senso di… “non vorrei mai che finisse!”.

La storia è molto semplice e fantasiosa, però ben strutturata e organizzata, e con molti colpi di scena. Il “principe azzurro” viene sostituito da un ragazzo dai capelli rossicci, la pelle chiara e cosparsa di lentiggini e gli occhiali. Mi piace come Amanda guarda il suo Steve, con occhi dell’amore e come Steve riesca a fare breccia nel suo cuore nonostante non sia lui il Christian Grey della storia.

Che dire? L’ho amato! Ho amato questa storia in tutti i suoi particolari, e sicuramente è una lettura che consiglio per staccare dalla monotonia della vita quotidiana.

5 stelle su 5



Nessun commento:

Posta un commento