lunedì 1 maggio 2017

Recensione in anteprima: Black Jack: Il gioco del perdono di Antonella Maggio

Buongiorno Scrigno e Buon Primo Maggio. Eccezionalmente, visto il giorno di Festa, oggi pubblichiamo una recensione in anteprima, di un libro in uscita domani.
Pronti a scoprire la mia opinione?



L’amore è la forma più genuina di dipendenza…
Gwendoline Torricelli, diciottenne ribelle, scoperta dai genitori a letto con il suo fidanzatino, è costretta a trascorrere l’estate ad Atlantic City con suo fratello Ryan, un agente del dipartimento investigativo del crimine organizzato di NY, lavoro di cui, in famiglia, nessuno è a conoscenza.
E poi c’è Micheal, noto ai più come Black Jack. È il migliore amico e braccio destro di Ryan. Bello e dannato, spesso finisce per dimenticare e smarrire la retta via, facendo del suo lavoro una pericolosa dipendenza.
E se di Ryan, un bel giorno, si perdesse ogni traccia? Gwen può fidarsi dell’anima tenebrosa e dannata di Micheal?
Una fuga in macchina con una pistola carica, gelosia, attrazione e passione. Un viaggio on the road alla ricerca di un fratello e di un amico, forse alla ricerca anche di se stessi, del perdono e dell’amore.


Dall'autrice di Profumo d'amore a New York , Regalami un sorriso e Stocaxxo che ti amo. Ha pubblicato altri romanzi con il self-publishing, Butterfly Edizioni, Rizzoli - Youfeel e Les Flâneurs Edizioni .



Prendo un bel respiro e provo a scrivere una recensione che renda giustizia a questo libro. Ci provo ma in partenza già vi dico che l'acquisto è stra consigliato, perché i sospiri, le arrabbiature e le lacrime sono assicurate.

Gwen Torricelli è una giovane ragazza di diciotto anni. Sveglia, dinamica, spigliata e senza freni. Non ha regole e proprio in nome di queste non regole i genitori, dopo averla sorpresa a letto con il fidanzatino, la spediscono ad Atlantic City dal fratello che gestisce un bar. Non ne è contenta Gwen, non lo è di lasciare il ragazzo che ama, né tanto meno andare in una città che è sicura di odiare. Ryan Torricelli sa che l'arrivo di sua sorella porterà scompiglio, sa che le regole e il lavoro che le procurerà non basteranno a tenerla lontana dai guai. Ma almeno può provarci e per farlo le mette alle costole lui.

Micheal, Mike per Gwen, Black Jack per tutti gli altri è un uomo perso, dipendente da tutte quelle cose brutte della vita, proprietario del casinò più famoso di Atlantic City. Non è un tipo facile, al contrario stargli alla larga e avere timore di lui è una delle cose più facile da fare. Vive di notte, dorme di giorno, va a letto con le donne senza il minimo coinvolgimento emotivo. E proprio per questo odia Ryan per avergli fatto conoscere Gwen.

“Mi guarda e io la guardo di rimando, sembra il gioco degli sguardi, quello dove se abbassi gli occhi per primo sei perdente e paghi pegno. Perde lei, ma dopotutto io non perdo mai.”

Fin dal primo incontro, fin dalla prima battutaccia, fin dal primo sguardo di fuoco, Mike e Gwen creano un legame. Quel tipo di legame forte, nonostante entrambi non lo vogliono. Gwen diventa di Mike e Mike diventa di Gwen. Non c'è via di scampo. Non ci sarà nemmeno per i vostri cuori.
Nel momento in cui Ryan scompare, nel momento in cui Gwen deve affidarsi e fidarsi completamente di Mike, anche loro lo capiscono. L'amore è una forma genuina di dipendenza, una dipendenza che Mike piano piano comprende, facendola diventare il suo punto di forza e non di debolezza.

“Mi sta baciando mentre con le mani mi stringe forte a sé. Percepisco la sua lingua umida e calda che piano piano lambisce la pelle salata, soffoco i gemiti ma chiudo gli occhi quando il piacere si avvicina piano.”

Un viaggio in macchina, una fuga, una corsa contro il tempo, il disperato tentativo di ritrovare una persona che entrambi amano, baci rubati, desiderati, allontanamenti, notti bollenti e insonni, pensieri e un'attrazione che molto presto diventa amore.

Mike è un uomo abituato a mentire, a tenere le persone distanti, persino ad ingannarle, a bluffare. Ma presto si rende conto che farlo con Gwen non è così facile. La ragazzina che lui vedeva è in realtà una giovane donna che gli farà scoprire i piaceri dell'amore, quello che ti tiene in vita, quello che ti fa stare attento, quello che ti fa pregare di non fare del male alla persona che ami.

“Non mi vergogno e, poi, con coraggio le sfioro di nuovo il viso. È reale. È mia. E il tempo, questa volta non è stato ingiusto.”

Antonella Maggio ha creato un romanzo diverso dal suo solito genere e so che lo dico ogni volta che recensisco un suo lavoro ma in questo c'è davvero di più. La sua scrittura la conosciamo, è precisa, dettagliata, romantica ma, in questo libro, anche diretta e “rude”. Erotismo, suspance e persino un filo di romanticismo è tutto ciò che troverete in Black Jack.
Siete pronti?
Da domani Mike sarà sul vostro Kindle.


5 stelle su 5







1 commento:

  1. Grazie, grazie, grazie! Mike e Gwen sembrano davvero stupendi attraverso queste parole e io ne avevo proprio bisogno oggi! Grazie, grazie, grazie Scrigno <3

    RispondiElimina